Attività Locali

La Costiera Amalfitana è strutturata come una lunga striscia di terra divisa in coste frastagliate e bellissime spiagge.

Grazie alle bellezze naturalistiche delle sue città (Vietri sul Mare, Cetara, Maiori, Minori, Atrani, Amalfi, Ravello, Conca dei Marini, Furore, Praiano, Positano, Tramonti) la Costiera Amalfitana è stata eletta patrimonio mondiale dell' UNESCO ed è uno dei luoghi più visitati in Campania.

Durante il periodo estivo molti dei paesi locali della costa promuovono festival e manifestazioni culturali;
qui di seguito alcune di queste iniziative e anche alcuni suggerimenti su dove fare escursioni e luoghi di intrattenimento per rendere il vostro soggiorno nella nostra meravigliosa terra davvero indimenticabile.

Ufficio per il Turismo di Amalfi

Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo
Corso delle Repubbliche Marinare
84011 Amalfi (SALERNO)
Tel/Fax: +39 089 871107
email: info@amalfitouristoffice.it
website: www.amalfitouristoffice.it

  • Siti Culturali

    AMALFI

    Amalfi, Repubblica Marinara che dà il nome a tutta la costa, è il più importante centro storico e offre, ai suoi visitatori, i monumenti di interesse storico e artistico come:

    • la Cattedrale di Sant' Andrea
    • il Chiostro del Paradiso
    • gli Arsenali della Repubblica
    • la Fontana di Sant' Andrea
    • la Valle dei Mulini
    • il Museo della Carta

    POGEROLA

    La città di Pogerola, più lontana dalle aree più popolari della Costiera Amalfitana, è nota per la sua tranquillità e per l'aria fresca e pulita che si respira in ogni angolo del borgo.
    Durante il Medioevo divenne un punto strategico di difesa per la città di Amalfi e dei suoi principali monumenti religiosi e artistici che sono:

    • la Chiesa della Madonna delle Grazie
    • la Chiesa di Santa Maria
    • la Chiesa di San Michele

    POSITANO

    La città di Positano, nata come un povero villaggio di pescatori durante la prima metà del del ventesimo secolo, divenne un porto della Repubblica di Amalfi nel Medioevo che prosperò nel corso dei secoli XVI e XVII.
    Della città rapisce subito la caratteristica disposizione delle sue case colorate e le tantissime scalinate che dall'alto del paese giungono in basso, alla spiaggia. Le spiagge principali sono la Spiaggia Grande e quella di Fornillo, entrambe raggiungibili a piedi; le altre sono La Porta, Arienzo e San Pietro Laurito, tutte raggiungibili principalmente via mare.
    Positano, famosa anche per la sua 'Moda Positano' esportata in tutto il mondo, ha cominciato ad attirare un gran numero di turisti nel 1950; tra gli eventi annuali ricordiamo: Cartoons on the Bay, la Festa di San Vito, la Festa di Santa Maria Assunta e Positano Opera Prima.
    Ecco qui alcuni punti di riferimento culturali della città:

    • la Chiesa di Santa Maria Assunta
    • Villa Sersale
    • Villa Orsolea

    RAVELLO

    La città di Ravello si trova nella parte alta della Costiera Amalfitana, a circa 350 metri di altitudine.
    La città ha servito storicamente come meta di artisti, musicisti e scrittori e ogni anno nei mesi estivi ospita il famoso Ravello Festival.
    A Ravello i più apprezzati monumenti artistici e religiosi sono:

    • il Duomo (Cattedrale) di Ravello
    • Villa Rufolo
    • Villa Cimbrone
    • la Chiesa di San Giovanni del Toro
    • la Piccola Chiesa di Santa Maria a Gradillo
    • il Santuario di Santa Cosima e San Damiano
  • Hiking

    LA VALLE DELLE FERRIERE

    Amalfi è famosa in tutto il mondo per il suo glorioso passato e per il mare.
    Solo alcune persone, tuttavia, hanno visitato il suo più affascinante gioiello: la riserva naturale chiamata 'Valle delle Ferriere'.
    I botanici conoscono bene questa riserva grazie alla presenza di una pianta che è molto rara in Europa, la Woodwardia Radicans: si tratta di una cosiddetta vita fossile, che ha vissuto durante l'età terziaria: un esempio molto importante di età pre-glaciale.
    La riserva è anche l'habitat di diverse specie di orchidee e di una piccola pianta carnivora, chiamata Pinguicolahirtiflora, una pianta che sopravvive mangiando piccoli insetti.
    Nel mezzo di questo percorso c'è il vecchio stabilimento siderurgico che dà il nome alla valle: esso forniva di ferro l'antica Repubblica di Amalfi.
    Poiché il percorso è facile, non vi è alcuna necessità di utilizzare attrezzature speciali: è sufficente indossare pantaloni lunghi e scarpe comode, adatti per passeggiate in montagna.
    La cosa più importante da ricordare è quello di portare una macchina fotografica per scattare belle foto. Dimenticarla sarebbe un grande errore!

    SENTIERO DEGLI DEI

    Ogni visitatore deve completare il soggiorno presso Villa Vettica con una escursione sul famoso sentiero chiamato 'Sentiero degli Dei'.
    Partendo da Agerola (da un borgo chiamato Bomerano, 635 metri sul livello del mare) o da Praiano (0 metri sul livello del mare) per poi procedere per Nocelle a Positano (440 metri sul livello del mare).
    Partendo da Bomerano, i visitatori possono camminare attraverso un percorso discendente, in modo più confortevole. Partendo invece da Praiano bisognerà andare prima a monte Serra (570 metri sul livello del mare) per poi proseguire verso il Sentiero.
    Il paesaggio è dovunque meraviglioso: il mare accompagna i visitatori e può essere visto da molto elevati punti (non consigliato a chi soffre di vertigini).
    Il panorama di Capri e della penisola sorrentina è veramente spettacolare.

    La vegetazione della prima parte del percorso è fatta di prati, alberi con la possibilità di incontrare pascoli di pecore e capre.
    Nella seconda parte del percorso la vegetazione si fà più fitta e rigogliosa.
    Da qui l'escursionista ha l'opzione di andare o verso il basso, attraverso i 1500 gradini della scala che raggiungono la strada e di fare il bagno nello splendido mare di Positano o di salire verso Monte Pertuso (352 metri sul livello del mare).
    Il percorso è leggermente difficile. Si tratta di circa 8 km di sentiero. Ci vogliono quasi 2,30 / 3 ore.

  • Escursioni

    LA GROTTA DELLO SMERALDO

    Lentamente scavata nella roccia, profonda fino alle viscere del dirupo della Conca dei Marini, nei pressi di Amalfi, è la Grotta dello Smeraldo (Emerald Grotto), un vero e proprio spettacolo naturale che illumina la vista dei visitatori.
    Scoperto nel 1932 da un pescatore locale, la Grotta dello Smeraldo ha preso il nome della preziosa gemma per la sua caratteristica colorazione riflessa dalle acque che vanno dal blu cobalto al verde smeraldo, generato dalla luce del sole che filtra attraverso un ingresso sottomarino di 12 metri.
    L'ampia rocciosa grotta presenta una scenografia creata naturalmente dall'erosione marina con stalattiti e stalagmiti.
    In una delle luminose e iridescenti grotte si può intrevedere la scena subacquea di un presepe creato con le ceramiche originali di Vietri Sul Mare.

    IL FIORDO DI FURORE, FURORE

    Nonostante il nome con il quale è comunemente conosciuto, si tratta in realtà di una rìa, un ristretto specchio d'acqua posto allo sbocco di un vallone a strapiombo, creato dal lavoro incessante del torrente Schiato che da Agerola corre lungo la montagna fino a tuffarsi in mare, ed accogliente un minuscolo borgo marinaro che fu abitato, tra gli altri, da Roberto Rossellini (che vi girò il film L'amore) e da Anna Magnani, che era allora sentimentalmente legata al regista e che fu l'interprete di un episodio di quello stesso film.
    Un piccolo museo ad essi dedicato è ospitato in una delle casette.
    Il fiordo è inoltre scavalcato dalla strada statale mediante un ponte sospeso alto 30 m, dal quale, ogni estate, si svolge una tappa del Campionato Mondiale di Tuffi dalle Grandi Altezze.

    All'interno del fiordo si trovano lo Stenditoio e la Calcara, due edifici utilizzati per le produzioni locali. Lo Stenditoio era usato per asciugare i fogli di carta estratti dalle fibre di stoffa. La Calcara invece era adibita alla lavorazione delle pietre per l'edilizia locale.

  • Intrattenimenti

    27Giugno

    RAVELLO FESTIVAL

    Dal 20 Giugno al 5 Settembre 2015 Ravello (Salerno) gratis

    Ravello Festival è un festival culturale estivo che si tiene annualmente a Ravello e che comprende manifestazioni di musica classica, cinema, letteratura ed altre arti, alle quali prendono parte artisti di fama internazionale.
    L'idea del festival, nato nel 1953 si deve a Paolo Caruso, il quale, sulla scia di precedenti eventi musicali dedicati a Richard Wagner che pero' contrariamente a quanto si racconta non soggiorno' mai a Ravello, pensò ad una manifestazione progettata appositamente per i cultori della musica del compositore tedesco.
    La prima edizione, tenutasi in due serate con le musiche dell'Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, sotto la direzione di Hermann Scherchen e William Steinberg, cadde, tra l'altro, proprio in occasione del 70º anniversario della morte di Wagner.
    A partire dal 2003 la Fondazione Ravello si occupa della realizzazione del Ravello Festival; sempre nello stesso anno è stato introdotto il cosiddetto leitmotiv, ossia il tema centrale attorno al quale ruotano tutti gli eventi del festival.
    Nel corso delle varie edizioni, si sono esibite al festival molte orchestre internazionali, tra cui la Staatskapelle Dresden, i Münchner Philharmoniker, la Royal Philharmonic Orchestra, la London Symphony Orchestra, il complesso orchestrale del Teatro Kirov di San Pietroburgo, la Gewandhausorchester Leipzig, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l'Orchestra del Maggio Musicale, l'Orchestre national de France e la Filarmonica di San Pietroburgo.

    www.ravellofestival.com

    27Giugno

    SANT' ANDREA PATRONO

    27 Giugno 2015 Amalfi (Salerno) gratis

    Ogni 27 giugno, Amalfi tiene una festa in onore di Sant'Andrea, il patrono della città e protettore dei pescatori e pescivendoli.
    L'evento commemora la tempesta miracolosa del 1544, a quanto pare evocato dal santo, che ha impedito il pirata saraceno Kair-Ad-Din di conquistare la città.
    La festa patronale inizia con una processione, lungo le spiagge di Amalfi, della statua del santo, che la gente del posto affettuosamente riferiscono come "'o' viecchio" (il vecchio), viene effettuata per la spiaggia.
    Arrivati sulla spiaggia, i pescatori prendono la statua e la riportano di corsa verso il Duomo in un rituale che ricorda molto quello della Festa di San Matteo a Salerno. Il Duomo di Amalfi, dedicata appunto a sant’Andrea (come del resto la città stessa), contiene una tomba nella sua cripta che continua a contenere alcune altre reliquie dell’apostolo.
    I festeggiamenti proseguono per tutta la serata con giochi, canti e balli e si concludono con gli stupendi fuochi d’artificio che illuminano il cielo di Amalfi.

    www.ciaoamalfi.com

    06Maggio

    I SUONI DEGLI DEI

    Dal 6 Maggio al 14 Ottobre 2015 Praiano (Salerno) gratis

    Un evento, nuovo nel suo genere per la Costa d'Amalfi, che ha come palcoscenico il "Sentiero degli Dei" definito l'itinerario panoramico più famoso al mondo.
    Il progetto propone di unire la passione per la musica e l'amore per l'ambiente con una serie di concerti di musica classica e contemporanea, che avranno luogo negli incantevoli scorci dei Monti Lattari, sul sagrato della chiesa di Santa Maria a Castro e tra i ruderi delle antiche abitazioni rupestri.
    Nato da un' idea dell'Associazione Pelagos e del Comune di Praiano, a partire dal mese di maggio fino alla fine di ottobre l'evento si avvarrà della collaborazione di Musicisti Nazionali ed Internazionali.
    Ogni appuntamento prevede un'escursione a piedi da Praiano, Agerola e Positano fino al sentiero, teatro naturale di questi luoghi, che spazia da Punta Campanella all'isola di Capri.

    www.amalficoast.it

    31Agosto

    CAPODANNO BIZANTINO

    31 Agosto 2015 Amalfi (Salerno) gratis

    Il Capodanno Bizantino è uno straordinario evento storico-culturale ideato dallo storico Giuseppe Pagano che, nel 1999, ebbe la felice intuizione di rievocare l’investitura dei Duchi di Amalfi, riproponendo fatti e vicende tipiche di un lontano periodo.
    La rievocazione del Capodanno Bizantino ogni anno anima la cittadina costiera, con appuntamenti ricchi di fascino come i giochi medioevali e la sfilata del corteo storico in costumi d’epoca da Atrani verso Amalfi, proprio come avveniva in epoca repubblicana, presso la cappella palatina di San Salvatore dé Birecto ad Atrani.

    www.capodannobizantino.it

    30Luglio

    LA LUMINARIA DI SAN DOMENICO

    Dal 30 Luglio al 4 Agosto 2015 Praiano (Salerno) gratis

    La Luminaria di San Domenico è una antica tradizione del ricco patrimonio storico e culturale di Praiano, si festeggia dal 30 Luglio al 4 Agosto di ogni anno al convento di Santa Maria a Castro, dove si venera San Domenico,tale devozione si tramanda dal 1606 ca, dalla venuta dei frati Domenicani della Sanità di Napoli.La festività è preceduta da un triduo ,durante il quale si realizza questa affascinante e suggestiva tradizione.
    Da qualche decennio, aveva perso parte del suo fascino a causa dell’avvento dell’energia elettrica e sostituendo le candele con le lampadine, dal 2001 è tornata agli antichi splendori e vede la partecipazione di tutti i cittadini i quali con delle singolari e affascinanti illuminazioni a cera ,adornano le terrazze,le finestre, i giardini, le stradine ,le cupole delle abitazioni e giovani praianesi decorano con 2000 candele ogni sera il decoro di piazza San Gennaro.Nei secoli passati tutti i cittadini durante l’anno conservavano i rami secchi di tralci di vite, di alberi e arbusti,realizzando le “fascine” che poi bruciavano per l’occasione nei giardini, si conservavano barattoli di latta ,di vetro, stracci, olio e strutto irrancidito per poi realizzare le fiaccole.
    La Luminaria ha un preciso significato: la mamma di San Domenico, prima di partorire, sognò un cane con una fiaccola in bocca che incendiava il Mondo, a significare che il nascituro avrebbe portato in tutto il Mondo la Parola di Dio.

    www.luminariadisandomenico.it

    13Giugno

    FESTIVAL DELLA TRADIZIONE

    Dal 13 Giugno al 20 Settembre 2015 Praiano (Salerno) gratis

    Sabato 13 giugno si terrà il primo appuntamento del Festival della Tradizione, giunto alla sua dodicesima edizione, con il concerto di Enzo Avitabile.
    Il Festival è un progetto che, partendo dalla Tradizione della nostra terra, è divenuto un luogo di incontro tra le culture musicali di tutte le regioni.
    Nelle precedenti edizioni Praiano ha ospitato oltre trenta gruppi di musicisti provenienti da ogni parte d'Italia, espressioni delle rispettive aree folcloristiche, di culture e stili particolari.
    Quest'anno il Festival ospiterà sette concerti, alcuni dei quali saranno preceduti da stages di danze tipiche locali.

    www.festivaldellatradizione.it
  • Dove Mangiare

    Ristorante Al Pesce d'Oro

    Il ristorante "Al Pesce d'Oro" è incastonato in uno dei scorci più suggestivi della Costiera Amalfitana: una profonda e suggestiva insenatura naturale a picco sul mare, da cui si gode un panorama superbo dell'intera baia di Amalfi e dei terrazzamenti collinari coltivati a limoni.
    In un ambiente caldo ed accogliente potrete apprezzare la semplicità e la bontà dei piatti tipici della tradizione campana, sapientemente preparati utilizzando esclusivamente materie prime locali, molte delle quali provenienti dai nostri orti. Specialità di mare che variano a seconda del pescato del giorno, piatti di terra che seguono il naturale ciclo delle stagioni, ottimi dessert ed una buona selezione di vini e liquori, con un occhio di riguardo per le etichette locali.
    Oltre all'ampia sala interna, in primavera e in estate gli ospiti potranno gustare le nostre pietanze all'ombra di un fresco pergolato panoramico, con vista mare.
    Gusto, semplicità ed accoglienza familiare sono i nostri tratti distintivi: provare per credere!

    www.alpescedoro.it

    Ristorante Ciccio Cielo Mare e Terra

    Situato a pochi metri di distanza da Villa Vettica, fra le montagne e il mare, fra silenzio e immensità si affaccia “Da Ciccio Cielo Mare Terra”, antica trattoria, successivamente ristorante di altissima qualità di fama consolidata.
    Nato nel 1931, ha mantenuto nel tempo la conduzione e l’atmosfera familiari e il ristorante alla forte tradizione di piatti tipici, storici, preparati con le stesse ricette e sempre richiesti, propone piatti innovativi e attuali, sapientemente elaborati da Marco e capaci di soddisfare tutti i palati. L’ottima varietà di vini dà il giusto valore ad ogni pietanza.
    Il ristorante è rinomato per il pesce fresco, personalmente scelto da Ciccio e per i prodotti tipici di stagione provenienti dalla propria azienda agricola.
    I dolci fatti in casa con amore da Marinella completano la gioia della gola.

    www.ristorantedaciccio.com

    Ristorante Da Gemma

    Dalla piazza che ospita lo splendido Duomo, imboccando un vicolo che si snoda dall’arteria principale del Corso, si arriva all’antica trattoria Da Gemma.
    Arredo sobrio ed elegante, pavimenti in ceramica e una terrazza che affaccia sul cuore di Amalfi, sono alcuni degli elementi caratterizzanti della trattoria, di cui vari poeti hanno tessuto le lodi fin dal 1872 e che è rimasta fedele alla semplicità delle origini con i suoi piatti di mare e le ricette della cucina campana rimaste invariate nel tempo.
    Nel suo accogliente ambiente la Trattoria da Gemma ospita 60 coperti a disposizione di chi, visitando la Divina Costiera ed Amalfi in particolare, vuole portare con sè il ricordo della vera cucina mediterranea.

    www.trattoriadagemma.com